Trieste…che spettacolo!

Archive for febbraio 13th, 2011

Dal 15 al 20 febbraio alla Sala Bartoli del Politeama Rossetti:

LA NOTTE POCO PRIMA DELLA FORESTA

Di: Bernard-Marie Koltés; traduzione Luca Scarlini
Scene: Carmine Guarino; opera installativa Loredana Longo
Costumi: Caterina Nardi
Musiche: Giuliano Sangiorgi; installazione sonora Giuliano Lombardo
Regia: Juan Diego Puerta Lopez
Produzione: Nuovo Teatro
Interpreti: Claudio Santamaria

C’è un dialogo pregnante nel cartellone altri percorsi, fra nuova drammaturgia e le icone del cinema contemporaneo: Claudio Santamaria, attore amato da Gabriele Muccino, Marco Risi, Bernardo Bertolucci, Michele Placido (il suo Romanzo Criminale gli è valso il Nastro d’Argento) affronta sul palcoscenico il più complesso e affascinante testo di Bernard-Marie Koltès, La notte poco prima nella foresta. Scritto a soli 28 anni dal più inquieto degli autori francesi di fine Novecento, questo monologo è emblema della sua drammaturgia sperimentale e violenta, concepito come una sola, lunga frase di oltre sessanta pagine. Un flusso di coscienza che mette alla prova ogni interprete per la sua composizione ma anche per la denuncia che Koltès vi racchiude. Sono temi fondanti della sua poetica: la riflessione sulla solitudine dell’uomo e la condizione dello straniero. È in effetti uno straniero, il protagonista: egli passeggia di notte in un quartiere francese, e sotto la pioggia abborda un nuovo giovane amico. Uno sconosciuto, che forse gli darà ascolto: lo straniero avvierà il suo lungo monologo raccontandogli sé stesso, flash di passato e utopie per il domani, la sua condizione di estraneo, l’amore per una ragazza di strada… Il regista Juan Diego Puerta Lopez accoglie la crescente metaforicità del testo, creando un allestimento notturno, quasi un’installazione virtuale che restituisca la visionarietà e soprattutto le parole, i gesti da cui effonde il respiro di Koltès.

LINK UTILI:

Annunci

Il 15 e 16 febbraio al Politeama Rossetti grande danza con:

COMPLEXIONS Contemporary Ballet

Di: direttori artistici / fondatori Dwight Rhoden, Desmond Richardson
Produzione: tour italiano a cura di ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna
Interpreti: Desmond Richardson, Natalia Alonso, Edgard Anido, Peter Chursin, Christina Dooling, Patricia Hachey, Gary W. Jeter II, Natiya Kezevadze, Christie Partelow, Sabra Perry, Juan Rodriguez, Hiroko Sakakibara, Wendy White Sasser, Simon Sliva, Clifford Williams. Allievi : Willie Smith III, Taeler Cyrus & Mara Thompson.

Chi li ha applauditi nel 2003, nell’ambito della prima edizione di MiramarEstate, di certo non si lascerà sfuggire l’occasione di rivedere un ensemble così energico e originale come quello dei Complexions, formato da alcuni fra i migliori talenti internazionali della danza contemporanea. Li definirono così, fin dal debutto nel 1994, gli inflessibili critici della stampa americana e, via via, il giudizio fu confermato in tutto il mondo.
Fondata da Desmond Richardson che tuttora la dirige assieme a Dwight Rhoden, la compagnia basa il proprio lavoro sull’idea che la danza debba rimuovere le frontiere e non rinforzarle. Che si tratti delle tradizioni limitative di un singolo stile, periodo, luogo o cultura, i Complexions trascendono tutto questo, creando una forma di danza aperta ed in continua evoluzione, che riflette il movimento del mondo intero – e di tutte le culture che lo compongono – come un tutto correlato. Dwight Rhoden e Desmond Richardson, universalmente riconosciuti come danzatori e coreografi fra i più ricercati del nostro tempo, hanno permesso alla forza “innovativa” della loro arte, di scorrere libera e hanno creato attraverso questo gruppo un modo di celebrare il passato della danza, costruendo simultaneamente il suo futuro. Gli spettatori più competenti non potranno non essere conquistati, davanti ai Complexions, da uno degli spettacoli di danza contemporanea di più alto livello mai proposti allo Stabile regionale: ma i ballerini di questa compagnia sanno ammaliare chiunque, con la loro forza inventiva, la loro energia dirompente, il loro modo diretto di mettersi in gioco, la loro poesia, con una visione creativa che – precisano Rhoden e Richardson – «non è vincolata da nulla se non dai limiti propri del corpo umano». Interpretano l’uomo, le sue utopie, i suoi sogni, il desiderio di amare, le sue contraddizioni.
Concetti che ritroveremo nel trascinante programma che hanno concepito per la tappa a Trieste: lo spettacolo si aprirà sulla coreografia di Rhoden Mercy, del 2009, danza suspirituals, rhythms e gospel per raccontare l’utopia del progresso senza violenza, il perdono, la grazia. Al secondo brano – Hissy Fits su musiche di Bach – prenderà parte lo stesso Desmond Richardson, per tratteggiare le emozioni e la tensione che connotano ogni relazione umana.
Infine l’irresistibile Rise, esplosiva coreografia del 2008 su brani degli U2, per esplorare il viaggio della vita in tutta la sua complessità ed estasi.

LINK UTILI:

  • Per maggiori informazioni sullo spettacolo (costi, orari, programma ecc) Politeama Rossetti (fonte delle info e foto)
  • complexionsdance.org
  • VIDEO: Complexions Contemporary Ballet’s Promo
  • VIDEO:

Continua l’accordo tra il Teatro Stabile Sloveno e il Teatro Miela nell’ambito della rassegna DUE TEATRI IN ACCORDO

il 15 febbraio al Teatro Stabile Sloveno alle ore 21.00:
il concerto “RAY GELATO & his GIANTS orchestra”
una grande performance di musica swing e divertimento. Il cantante e sassofonista inglese di origine italo-americana si è formato musicalmente sulle orme dei grandi del rock’n’roll e dello swing e ha saputo far rivivere e mantenere nel tempo lo spirito dell’entertaining creato dai grandi crooners italo americani. È infatti in Louis Prima, Frank Sinatra e Dean Martin che Ray attinge a piene mani per rallegrare il pubblico con uno spettacolo da ascoltare e da vedere, diventando negli anni, con la sua orchestra, l’interprete più capace al mondo nel ricreare quel clima dove qualità musicale e divertimento convivono allo stesso tempo anche grazie ai grandissimi musicisti della band che partecipano attivamente allo show.
Star fissa delle scorse edizioni di Umbria Jazz (sempre riconfermato a ‘furor di piazza’), Ray Gelato ed i suoi Giants hanno saputo coinvolgere il pubblico, creando una aspettativa sempre crescente per le proprie esibizioni live. La formula ha avuto un grande successo e basta vedere un concerto per capirne il perché: Ray ripropone la figura del gangster giuggiolone che interagisce con un’esuberante formazione di sette elementi, riuscendo a mescolare sonorità italiane, classici della tradizione partenopea, ricordi che facevano parte del bagaglio culturale degli italo americani negli anni ’40 e ’50. Oltre a trascinanti medley dei più noti swing in titoli come Pizza You, O Marie, Josephine Please No Lean On The Bell, Tu Vuo’ Fa l’Americano, fanno parte del suo repertorio evergreen come Everybody Loves Somebody, Just a Gigolo e I Ain’t Got Nobody.
Ha suonato dal vivo al matrimonio di Sir Paul Mc Cartney, in apertura del concerto di Robbie Williams alla Royal Albert Hall ed addirittura ad un party pubblico tenuto da Sua Maestà, la Regina d’Inghilterra! La data di Trieste, il 15 febbraio (non è proprio il 14, ma….) è un occasione gustosa per portare l’amato/a a una serata di puro divertimento!!! Un post San Valentino all’insegna dell’iconografia più adatta a questa riccorrenza, dove il ganster impomatato ribadirà la sua parola d’ordine: “THAT’S AMORE”. La biglietteria del Teatro Stabile Sloveno è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 15. I biglietti sono in vendita anche on-line su www.vivaticket.it
LINK UTILI:

Lunedì 14 febbraio tornano al Teatro Miela alle ore 21.21

PUPKIN KABARETT

La Compagnia del Pupkin Kabarett, questa sera propone una serata dedicata all’amore in tutte le sue forme, degenerazioni e ossessioni.

Per una serata irriverente e irripetibile accompagnata dalla melodiosa e innovativa musica della Niente Band al gran completo!

Intervenite numerosi!

Per maggiori informazioni Teatro Miela (fonte delle info e foto qui sopra)

 

Questa sera alle 18.00 al Teatro Miela per gli amanti dei gatti

MICIAMICI

Grande festa del Gatto e de Il Gattile
poesia, musica, immagini, leccornie, foto, progetti, sogni, ricordi……

…TUTTI al Miela per celebrare noi, gli esseri più magici dell’universo!
L’entrata è aperta a cani, mammiferi, umani, alieni, ecc. con l’unica offerta di una scatoletta! Noi gatti invece ce ne staremo belli e caldi a casa, sul nostro cuscino preferito, a riflettere su quanto sia difficile sapere cosa è giusto fare.

La festa, che coincide con la giornata nazionale del Gatto, è promossa da Il Gattile. Per chi non ne fosse ancora a conoscenza “Il Gattile”, che ha sede a Trieste in Via della Fontana n° 4, si occupa proprio di quei gatti soli, a volte malati, o semplicemente tristi perché non hanno un tetto e una carezza. Per una giornata saranno loro i protagonisti (anche se solo virtualmente) di un momento di incontro di “umani” gattodipendenti.

Per maggiori info Teatro Miela (fonte delle info e foto qui sopra) e www.ilgattile.it


Seguici su TWITTER

Seguici su FACEBOOK

DOVE SONO I TEATRI???

Archivio

febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

VISITE

iscrizione a Paperblog

Annunci