Trieste…che spettacolo!

Archive for the ‘Miela’ Category

Sabato 11 giugno alle 20.30 al Teatro Miela ad ingresso libero il Gruppo Teatrolingua Lussemburgo  e l’Associazione L’Armonia gruppo teatrale “Amici di San Giovanni” presentano

LA COSCIENZA DI ZENO

14 attori di 11 nazionalità diverse in tournée per una libera trasposizione teatrale de “La coscienza di Zeno” di ITALO SVEVO.

Trasposizione e regia di Luisella Suberni Piccoli, con un’interpretazione di taglio disinvolto per esaltare l’ironia dell’autore.

Il gruppo TEATROLINGUA è un gruppo teatrale amatoriale, costituito da persone di nazionalità diverse, che vogliono approfondire la loro conoscenza della lingua e della cultura italiana attraverso il teatro. La loro regista Luisella Suberni Piccoli, triestina residente da molti anni in Lussemburgo, ha già messo in scena opere di autori come Pirandello, De Filippo, Tofano, Garinei e Giovannini, Ginzburg, riportando sempre un ottimo successo di pubblico e di critica. Quest’anno è lieta di poter presentare ai suoi concittadini questo gruppo che reciterà Svevo proprio in occasione del 150esimo anniversario della nascita.
Zeno sarà interpretato da un polacco, Ada da un’estone, Augusta da una greca …

Interpreti: Henryk MazurChristian LamourHelen LehtRebeka MiliusStavroula ZanniaJulia ChirkovaDigna AmilPino Cipolla,Martyn WardTullio GilibertDaniel HaliciSophie SchramMyriam BeckerAnna Kiejna 
Suggeritrice: Nadia Borisova

In collaborazione con il Comune di Trieste

Per maggiori informazioni Teatro Miela (fonte delle info e foto)

Sabato alle 21.30 al Teatro Stabile Sloveno ancora DUE TEATRI IN ACCORDO con

JON SPENCER BLUES EXPLOSION

Ritorna Jon Spencer al Teatro Miela, questa volta però con addirittura i Blues Explosion, formazione con cui è arrivato alla consacrazione come uno dei grandi Rockers esistenti.
Una serata di energia sanguigna con il loro sound esplosivo, grezzo e perfettamente riconoscibile che ha riscritto la storia del rock di fine millennio: sul palco ed in studio, Jon Spencer ha distrutto e ricostruito il rock’n’roll con tale ferocia e trasporto che è difficile pensare ci sia ancora qualcosa da fare.
La scia devastante lasciata da Spencer con il suo primo leggendario gruppo dei Pussy Galore ancora brucia sotto le ceneri nell’avant garage/punk/blues della Jon Spencer Blues Explosion che Jon ha iniziato all’inizio dei ‘90, a New York, insieme a Judah Bauer alla chitarra e Russel Simmins alla batteria, irrompendo nel panorama indie rock con una viscerale, febbrile ed intoccabile visione del rock’n’roll. Jon Spencer è stato il primo, lui è l’articolo originale, le sue “esplosioni” vocali ed i riff forgiati nel blues hanno originato moltissimi adepti che successivamente lo hanno affiancato nell’opera di ridefinizione in chiave contemporanea del rock delle origini.
support:
URBAN JUNIOR

Per maggiori informazioni sull’evento e prezzo del biglietto Teatro Miela  (fonte delle info e foto)

Il primo giorno di giugno al Teatro Miela musica con

JAMES TAYLOR QUARTET

James Taylor – Hammond organ
Hugh Gledhill – guitar
Andrew McKinney – bass
Pat Illingworth – drums

Un’esplosiva miscela di jazz, soul, funk, spy movies e rhythm’n’blues, il tutto guidato dallo splendido suono dell’organo hammond. Diventato il gruppo-simbolo, la voce più autorevole dell’acid jazz a livello mondiale grazie anche alla rivisitazione di brani come Alfie, Mrs.Robinson, Goldfinger o la colonna sonora di Starsky & Hutch, nel corso degli anni ha collezionato le più svariate partecipazioni ai dischi di artisti del calibro di U2, Manic Street Preachers, Tom Jones e Tina Turner. Ma sono soprattutto le esibizioni dal vivo a decretare la fortuna internazionale del gruppo che quest’anno compie 25 anni di attività nella scena musicale.

LINK UTILI:

Questa sera alle ore 21.00 al Teatro Miela CislFP Trieste e RadioInCorso presentano

UNA CANZONE PER IL FUTURO

“Una canzone per il futuro” è il concorso musicale voluto da Cisl FP di Trieste, rivolto agli studenti del quinto anno delle scuole superiori o del primo anno di università, che dà loro la possibilità di vincere l’iscrizione all’Università di Trieste per l’anno accademico 2011/2012. La serata finale, organizzata da RadioInCorso vedrà l’esibizione dei concorrenti finalisti, che verranno giudicati da una giuria di qualità, presieduta dal cantante e professore Roberto Vecchioni, vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo, che sarà presente durante la serata assieme all’astrofisica Margherita Hack, testimonial ufficiale dell’evento.
Sarà una serata di musica e spettacolo, che vedrà tra gli ospiti anche la presenza della rock band Doppia Personalità che presenterà in esclusiva il nuovo singolo.

LINK UTILI:

  • Per maggiori informazioni sull’evento e prezzo entrata Teatro Miela (fonte delle info e foto)
  • sito di Radioincorso, la radio web di Trieste

Lunedì 30 maggio al Teatro Miela ancora

PUPKIN KABARETT

Ultima serata della stagione: gli attori della compagnia più stralunata della Venezia Giulia insieme ai grandi ospiti che li hanno accompagnati per tutto l’inverno per una serata indimenticabile.
Problemi nazionali e locali verranno sviscerati senza trovare soluzione, monologhi stralunati, opinioni non richieste, pezzi di teatro d’occasione, rassegne stampa “rilette”, canzoni e qualche sorpresa per quest’ultima puntata preparata con gran puntiglio e humor inimitabile.

Il tutto accompagnato dalla divertente, corroborante e colta musica della Niente band al gran completo.

Per maggiori informazioni Teatro Miela (fonte delle info e foto)

Questa sera alle 21.00 al Teatro Stabile Sloveno continua DUE TEATRI IN ACCORDO con lo spettacolo:

ELIO in GIAN BURRASCA

Il Teatro Stabile Sloveno, la Cooperativa Bonawentura-Teatro Miela e il XIII Festival internazionale Kras sono gli organizzatori dell’ospitalità in data unica dello spettacolo che celebra il centenario della nascita del compositore Nino Rota con la collaborazione di due personalità eminenti del panorama musicale e cinematografico italiano, il cantante Elio e la regista Lina Wertmuller. Lo spettacolo »Gian Burrasca«, compreso nel programma in abbonamento Emozionante-Musica leggera, andrà in scena sabato 28 maggio alle ore 21.00 sul palcoscenico del Teatro Stabile Sloveno nell’ambito del progetto Due Teatri in accordo e della tredicesima edizione del Festival internazionale Kras.
Nel 1964 Lina Wertmuller dirigeva le otto puntate dello sceneggiato Rai “il giornalino di Gian Burrasca”, tratto dal libro di  Luigi Bertelli, in arte Vamba,  pubblicato tra il 1907 e il 1908, cadenzate sulle musiche di Nino Rota, dirette da Luis Bacalov.  Fu uno dei maggiori successi televisivi dell’epoca e rese immortali canzoni come “Viva la pappa col pomodoro!” e le buffe intemperanze del ragazzinino impertinente, interpretato da una giovane Rita Pavone.
A quarantasei anni di distanza, in occasione  del centenario della nascita del maestro Nino Rota (3 dicembre 1911 – Roma, 10 aprile 1979), Lina Wertmuller cura l’adattamento del testo e la supervisione alla regia di una edizione teatrale interpretata da Elio (Stefano Belisari), artista fra i più eclettici e ricchi di talento della scena contemporanea, affiancato da un ensemble strumentale composto da musicisti di livello internazionale quali Corrado Giuffredi – clarinetto, Cesare Chiacchiaretta – fisarmonica, Giampaolo Bandini – chitarra, Federico Marchesano – contrabbasso, Danilo Grassi – percussioni.
Lina Wertmuller, una delle principali registe del cinema non soltanto italiano, ha ritirato nello scorso mese di maggio il meritatissimo David di Donatello alla carriera e nella sua opera ha affrontato tematiche, tra il grottesco e il tragico, che hanno saputo,  attraverso una sempre graffiante ironia, descrivere la società italiana.
La storia di Gian Burrasca è scritta in forma di diario e racconta le irriverenti incursioni di un pestifero ragazzino, Giannino Stoppani detto Gian Burrasca, dall’aspetto divertente e di animo irrequieto, nel mondo conformista dell’Italia umbertina, dove le rigide regole del collegio e le ipocrisie della famiglia cadono sotto la sua irresistibile ironia.
Elio presta la sua comica fissità alla figura di Gian Burrasca, parrucca con i riccioloni e pantaloni alla zuava, conferendo allo spettacolo quella iconoclastia futurista,  presente in molti passi del testo, attraverso il gusto del gesto  e della parola come contrapposizione critica alla borghesia del primo Novecento.
Lina Wertmuller  ha saputo estrarre dal testo quegli episodi che maggiormente hanno saputo rendere familiare il personaggio di Gian Burrasca, creando un’atmosfera, tra sogno e realtà, che ha caratterizzato sempre la sua opera, sia cinematografica, che teatrale: “Adoro Elio e da quando abbiamo lavorato assieme in Storia d’amore e d’anarchia in teatro nel 2004 ho pensato e immaginato che prima o poi ci sarebbe stata un’altra occasione: è arrivata con la sua proposta di portare in teatro il Gian Burrasca. Come potevo non entusiasmarmi all’idea di rimetter mano dopo più di 40 anni al testo del Giornalino immaginando Elio vestire i panni che furono di Rita Pavone?  Ed ecco quindi che è nato questo spettacolo, con Elio come unico cant-attore in scena e cinque straordinari musicisti che suonano dal vivo le canzoni più celebri dello sceneggiato televisivo composte dal grande Nino Rota. Sto pensando ad una regia abbastanza semplice, ad un ritmo veloce dello spettacolo perché la musica sia la grande protagonista della serata ed Elio, imprevedibile e irresistibile giocherellone, il Gian Burrasca del nuovo millennio ….”.

Elio, uno dei personaggi più argutamente dissacranti del panorama musicale italiano, veste i panni dello scatenato Giannino Stoppani dal classico della letteratura giovanile di Vamba.
La regia è di Lina Wertmüller che negli anni ‘60 ha diretto anche l’omonimo sceneggiato per la Rai e le canzoni sono del grande Nino Rota del quale nel 2011 ricorre il centenario della nascita. Accompagnato da uno straordinario quintetto di musicisti di livello internazionale in un mix irresistibile dove la musica è protagonista, il cant-attore diventa il Gian Burrasca del nuovo millennio.
Dice Lina Wertmüller: “Adoro Elio da quando abbiamo lavorato assieme in teatro nel 2004. Ho pensato e immaginato che prima o poi ci sarebbe stata un’altra occasione e non potevo non entusiasmarmi all’idea di rimetter mano dopo più di 40 anni al testo del Giornalino immaginando Elio vestire i panni che furono di Rita Pavone in uno dei maggiori successi televisivi dell’epoca che rese immortali canzoni come Viva la pappa col pomodoro!”.

Per maggiori informazioni Teatro Miela e Teatro Stabile Sloveno (fonte delle info e foto)

Oggi al Teatro Miela continua FILM OUTLET con la proiezione del film:

THE FIGHTER

di David O.Russell; con Mark Wahlberg, Christian Bale, Amy Adams, Melissa Leo, Jack McGee
USA, 2010, col., 115’, versione originale sott.it.

Ispirato ad una storia vera, il commovente ritorno dell’improbabile eroe della box, Micky Ward e di Dicky Eklund, due fratelli che devono affrontarsi come avversari per potersi riunire in combattimento, e vincere un campionato terribilmente difficile, rafforzando così i loro legami familiari. Vincitore degli Oscar come miglior attore non protagonista (Christian Bale) e miglior attrice non protagonista (Melissa Leo).

LINK UTILI:

  • Per maggiori informazioni sulla proiezione Teatro Miela (fonte delle info e foto)
  • per informazioni sul film, personaggi, trailer, critica ecc mymovies

Come ogni anno dal 1992 si rinnova il tradizionale appuntamento con il compleanno di ERIK SATIE (17/05/1866). Amico delle figure più importanti delle avanguardie storiche, da Cocteau a Stravinskji, da René Clair a Picabia, da Debussy al Gruppo dei Sei, da Tristan Tzara a Ravel, da Diaghilev a Picasso.

Tutti riconoscevano la sua grandezza e la sua finissima ironia intellettuale, tutti lo accoglievano nei loro salotti, ma morì povero e solo. Troppo anticonformista per diventare un “classico”, avanguardista prima delle Avanguardie, precursore di tutto e di niente, Satie rimane uno dei più grandi provocatori che la storia della musica abbia conosciuto, emblema di un’arte che si affacciava al nuovo secolo con sfrontatezza, scrollandosi di dosso senza troppo rimpianto il “peso” ingombrante del Romanticismo. In tutte le sue composizioni musicali, nei suoi scritti, nei suoi aforismi, nei suoi appunti si ritrovano gli elementi di novità del suo pensiero.

L’edizione di quest’anno è dedicata al tema MIELAVIGLIE MERAVIGLIE e si divide in due percorsi e in due ambienti diversi.

Il 12 e 13 maggio alla Stazione Rogers più legata alle nuove tecnologie, con collegamenti virtuali, esposizione on line, installazioni, performance, concerti, aperitivi, degustazioni, Facebook Satie Caffè e un eccezionale collegamento con Ornella Volta.

Al Teatro Miela dal 14 al 18 maggio si svolgerà il tradizionale “Compleanno” :

sabato 14 con la kermesse espositiva che raccoglie le opere di artisti desiderosi di rendere omaggio allo “spirito” di Satie.

A seguire ben quattro concerti per questa edizione:

STEFANIA AMISANO (domenica 15), concerto per pianoforte dedicato alle musiche di György Kurtàg con incursioni di Fabio Nieder e Bernd Richard Deutsch.

MIONA BABIC (lunedì 16) pianoforte: dal classico alle elaborazioni moderne.

ENSEMBLE SENTIERI SELVAGGI (martedì 17) alcuni tra i migliori musicisti italiani per avvicinare la musica contemporanea al grande pubblico.

Il DUO ANDALORO (mercoledì 18) in un concerto per due pianoforti: omaggio di Erik Satie alla figura di Gustav Mahler nel centenario della morte. Un programma per palati diversi ma pur sempre “satiani”.

Per maggiori informazioni sulla manifestazione Teatro Miela (fonte delle info e foto)

Mercoledì 11 maggio continua al Teatro Miela FILM OUTLET con la proiezione del film:

POETRY

di Lee Chang-dong; con Yu Junghee, Lee David, Kim Hira, Ahn Naesang
Corea del sud, 2010, col., 135′

Quando il cadavere di una ragazza affiora dalle acque di un fiume, qualcosa nella quotidianità di Mija – badante part-time affetta da alzheimer – si incrina man mano che scoprirà di più sulle ragioni che hanno portato al suicidio della giovane. La tranquilla vita di provincia, fatta di routine e coazioni a ripetere, viene turbata dal macabro inaspettato, cercando disperatamente di riassorbirlo nella propria bambagia protettiva. La sensibile Mija, nonnina smemorata che tende a soffermarsi su particolari per i più insignificanti, come la quiete degli alberi o il colore dei fiori – paradossalmente possiede gli strumenti, o gli anticorpi, necessari per misurare l’orrore come merita.

LINK UTILI:

  • Per maggiori informazioni sulla proiezione e prezzo entrata Teatro Miela (fonte delle info e foto)
  • maggiori info sul film, personaggi, trailer, critica ecc Mymovies.it

Il 6 maggio al Teatro Miela alle ore 21.00 musica rock con il concerto di

JOHN WAITE

Due volte numero uno negli Stati Uniti, poi chiamato da Ringo Starr nella All Starr Band, una delle voci più belle e distintive del panorama rock approda per la prima volta in Italia in un imperdibile concerto.

Waite ha cominciato la propria carriera come cantante e bassista dei The Babys nel 1980 e nella sua carriera ormai ultratrentennale ha dato la sua inconfondibile voce a classici del rock come Missing You e When I See You Smile.

I The Babys hanno prodotto cinque album, tra il 1980 e il 1985. John ha intrapreso la carriera solista nel 1982 e il suo secondo album, No Brakes, si è rivelato un enorme successo internazionale grazie al singolo Missing You, arrivato al numero 1 della classifica di Billboard. Nel 1988, Waite ha unito le forze con Jonathan Cain e Neal Schon dei Journey, con i quali ha dato vita al supergruppo Bad English: anche con loro, nel 1989, ha raggiunto il primo posto in classifica grazie al singolo When I See You Smile. Dopo lo scioglimento della band, John è tornato alla carriera solista e dal 1995 ha realizzato sei album. Ha suonato con la Ringo Starr’s All Starr Band nel 2003 e con i Journey nel 2005.

Nel 2007 Waite ha collaborato con il co-fondatore dei Procol Harum Keith Reid, per 2 brani contenuti nel suo album The Common Thread. Nel 2008 Missing You è entrata nuovamente in classifica in una nuova versione, nella quale John duetta con Alison Krauss, già vincitrice di un Grammy Award.

Il 2009 ha visto l’uscita dell’album dal vivo In Real Time, che testimonia lo straordinario impatto live di John Waite, che nel 2011 ha dato alla luce il nuovo lavoro in studio Rough & Tumble.

LINK UTILI:


Seguici su TWITTER

Seguici su FACEBOOK

DOVE SONO I TEATRI???

Archivio

luglio: 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

VISITE

iscrizione a Paperblog