Trieste…che spettacolo!

Posts Tagged ‘An education

Il film “   An Education” di Sherfig , uscito nei cinema italiani il 5 febbraio 2010, è stato recensito positivamente dalla critica italiana. In particolare viene sottolineata la bravura nel descrivere l’epoca in cui il film viene ambientato, cioè gi anni 60 e il grande cast con una Carey Mulligan (che interpreta Jenny la protagonista) molto convincente e paragonata addirittura da alcuni ad una baby Audrey Hepburn.

Sherfingov film “An Education”, ki je v Italiji izšel 5. februarja 2010, je italijanska kritika ocenila pozitivno. Poseben povdarek gre spretnosti opisa obdobja, v katerem se film odvija, in sicer Šestdeseta leta, in ansambel s Carey Mulligan (ki je v filmu Jenny, glavna junakinja), ki so jo primerjali celo mladi Audrey Hepburn.

 

di Natalia Aspesi La Repubblica , 6 febbraio 2010

“ […]Che senso ha più sognare Oxford quando quel simpatico e gaudente giovanotto ebreo («Sei al corrente che gli ebrei hanno ucciso nostro Signore?», le dice l’ ottusa direttrice della scuola, la risorta Emma Thompson) le chiede di sposarlo e le offre un futuro ricco e brillante? Non sarà così, come non lo fu per la vera protagonista della storia, la giornalista inglese Lynn Barber; dalle memorie della quale, Nick Hornby ( Alta Fedeltà, Febbre a 90 ‘ ) ha tratto la sceneggiatura (pubblicata da Guanda) per il film, prodotto a basso costo anche da sua moglie, diretto dalla regista danese Lone Sherfig. An education è un’ opera di massima grazia nel descrivere il preludio di un’ epoca che avrebbe abbattuto ogni austerità in nome del diritto al piacere, e nel raccontare il confuso maturare di una giovane donna dall’ innocenza alla consapevolezza attraverso errori e sogni. Il film è candidato a 3 Oscar (film, sceneggiatura non originale, protagonista femminile) e ha interpreti geniali: non solo Carey Mulligan, Jenny appassionata e commovente, ma anche Peter Sarsgaard, che in ogni suo gesto brillante e romantico insinua nello spettatore (forse anche in Jenny), un dubbio. Alfred Molina è un padre che non ha saputo proteggere la figlia: «Ho avuto paura per tutta la vita e non volevo che anche tu ne avessi».

di Paolo Mereghetti Il Corriere della Sera 4 febbraio 2010 

“Passano gli anni, ma il marchio Bbc continua a essere una garanzia anche per il cinema. Forse non tutti i film coprodotti dalla società inglese sono dei capolavori, ma il livello medio è sempre molto alto, quello di una professionalità certa e verificata. A cominciare dalla prova degli attori per continuare con le cosiddette production values (la «ricchezza» e la qualità dello sforzo produttivo, dalla scenografia ai costumi all’ ambientazione) e finire con il livello della scrittura e della messa in scena. E An Education non smentisce questa bella tradizione. Sceneggiato da Nick Hornby a partire dalle memorie autobiografiche di Lynn Barber (la sceneggiatura letteraria, senza le indicazioni della regia, si può leggere in italiano pubblicata da Guanda) […] Diretto con bella mano da Lone Scherfig, regista danese di cui si era già visto da noi Italiano per principianti, il film riesce a catturare l’ atmosfera di sotterranea ribellione che all’ inizio degli anni Sessanta comincia a serpeggiare in Inghilterra come nel resto d’ Europa. Non sono ancora gli anni dei Beatles, ma la voglia di buttarsi dietro le spalle le troppo rigide regole dell’ educazione borghese comincia a prendere forma. Basta poco a Jenny per passare dal rispetto per i propri insegnanti (soprattutto per la professoressa di inglese, interpretata da Olivia Williams) al disprezzo per una vita fatta solo di doveri e sacrifici. David le offre cene costose, serata divertenti, weekend «peccaminosi» (a cui il fino ad allora rigidissimo padre non sa opporsi: e questo voltafaccia è forse il vero punto debole della sceneggiatura) e l’ ex scolara modello butta tranquillamente a mare le sue ambizioni universitarie. Tutto andrà come si immaginano Jenny e i suoi genitori? Lasciamo allo spettatore il piacere di scoprirlo, anche se non è certo questo il merito principale del film. Piuttosto An Education vale per la capacità di descrivere un mondo che vorrebbe cambiare ma che non ha ancora trovato la forza di farlo. Un mondo dove i tabù stanno per cadere (soprattutto quelli legati al sesso) ma dove servono ancora una serie di ipocrite giustificazioni per dar loro la definitiva spallata o dove si respirano le prime ventate d’ indipendenza femminile, incapaci però di trasformarsi in effettiva voglia di liberazione. Ma anche un mondo dove con le vecchie regole sembrano dissolversi insieme al rigore morale e alla coerenza dei comportamenti, dove una ricchezza quasi a portata di mano sembra giustificare ogni tipo di azione e soprattutto ogni tipo di compromesso. Così, al di là del destino cui andrà incontro Jenny, lascia il segno il modo in cui la Scherfig sa costruire il quadro fintamente spensierato di una gioventù che non si accorge di camminare sul filo del rasoio, convinta che il futuro non possa che presentarsi gratificante e divertente e non si capisce che, come avrebbe fatto notare Pasolini, quello stesso successo finirà per togliere a quelle generazioni anche l’ innocenza e la speranza.”

di Fabio Ferzetti Il Messaggero 5 febbraio 2010 

“[…] Tratto da un amaro e pungente racconto autobiografico della famosa giornalista inglese Lynn Barber, sceneggiato con libertà e finezza da Nick Hornby […], An Education è un incantevole film in costume con molti “genitori”. Alla Barber e a Hornby vanno aggiunti infatti la regista danese Lone Scherfig (Italiano per principianti), che ci mette un tocco delicato e un’attenzione mai esteriore per l’epoca e i suoi segni. Ma soprattutto un cast oltre ogni elogio.
Dalla scintillante, irresistibile Carey Mulligan (candidata all’Oscar), che dà a Jenny la curiosità, i fremiti, le ritrosie, l’impertinenza di una ragazza cresciuta in un paese ancora segnato dalla guerra, al molle, doppio, spregevole ma umanissimo Peter Sarsgaard, capace di farci capire la sua tragedia personale (guardate il lampo d’invidia quando lei nomina Oxford…) senza mai metterci contro di lui. Passando per Alfred Molina, semplicemente strepitoso nei panni del padre così interessato all’ascesa sociale della figlia da rendersi complice di vere nefandezze. La seconda parte è più illustrativa, meno sorprendente. Ma poche volte un film ha raccontato meglio lo sviluppo di aspettative, proiezioni, sentimenti e risentimenti, che unisce genitori e figli, ricchi e poveri, colti e meno colti, in un unico infernale girotondo.”

Alessio Guzzano City 8 febbraio 2010

In attesa che germoglino i Beatles e i figli dei fiori, l’Inghilterra del 1961 è ancora una nazione postbellica, un oceano lontana dagli hula hop: dignitosamente povera, imbalsamata nelle regole, proletaria nello spirito ma piccolo borghese nei tinelli ben apparecchiati. Come quello di una 17enne che sogna la nobile Francia e la letteratura di Oxford, e dei suoi genitori che consentono a un ricco bellimbusto 30enne acculturato di flirtare con lei portandola in un mondo dorato – aste, concerti, corse dei cani, viaggi, moda, ristoranti – a scapito di un’istruzione che per le donne «è solo l’alternativa a un buon matrimonio». La delusione sarà feroce. Ma anche l’ostinazione della giovane. La vicenda è vera, capitò a una futura giornalista che accettò un passaggio dall’uomo sbagliato (o meglio, lo accettò il suo violoncello). Le mani sceneggiatrici di Nick Hornby, lo scrittore di “Febbre a 90°”, “Alta fedeltà” e “About a Boy” (tutti ben trasformati in film), la rendono il bozzetto dolceamaro di un’epoca grigiastra tentata da vitali colori ribelli: dotte frivolezze, intense debolezze. Nel cast esemplare, spicca Carey Mulligan (22enne, ma non si vede), una perfetta baby Audrey Hepburn quando brinda sulla Senna, sensibile a brividi adulti ma non ai fremiti del sesso.”

Spero vi sia stato d’aiuto…e…

Buona visione!!!!!

Upam, da vam je bilo v pomoč…in… Dober ogled!!!!

SARA

Annunci

Ho trovato il trailer italiano ufficiale del film “AN EDUCATION” che verrà proiettato al Teatro Miela

Dobila sem uradni italijanski trailer filma “AN EDUCATION”, ki ga bodo predvajali v gledališču Miela

da www.youtube.com

Buona visione!!! – Dober ogled!!!

Per gli appassionati di film…..nuovo appuntamento cinematografico al Teatro Miela mercoledì 12 maggio alle ore 19.00 e 21.30 con

Za ljubitelje filmov….novo kinematografsko srečanje v gledališču Miela v sredo, 12. maja ob 19. uri in ob 21.30 s filmom

AN EDUCATION

Bonawentura in collaborazione con La Cappella Underground / FILM-OUTLET

di Lone Scherfig; con Peter Sarsgaard, Carey Mulligan, Alfred Molina, Dominic Cooper, Rosamund Pike
GB, 2009, col, 100’, versione originale sott.it.

Londra 1961. Jenny ha 16 anni, sogna Parigi e un’eccitante vita in mezzo ai fumatori di Gauloises sui bordi della Senna. Per ora, le bella ed intelligente ragazza, deve accontentarsi dei banchi di scuola e di canticchiare le canzoni di Juliette Gréco nella sua cameretta nella periferia londinese di Twickenham. Jenny è impaziente di diventare adulta. Per ora è una studentessa scrupolosa con ottima voti a scuola tranne che in latino, materia che le permetterebbe un giorno di essere ammessa a Oxford. In una giornata piovosa come tante, un pretendente fa la sua apparizione nella vita di Jenny. David che ha quasi il doppio della sua età, non tarda a conquistare la ragazza e i suoi genitori, due conservatori che affascinati dal ragazzo mettono da parte la differenza di età e il fatto che David sia ebreo.

Presentato nella sezione Berlinal Special al Festival di Berlino 2009
Candidato a 3 Premi Oscar 2010: Miglior film, Miglior attrice (Carey Mulligan), Miglior sceneggiatura non originale.

Ingresso € 4,00

info e foto da www.miela.it e www.comingsoon.it


Seguici su TWITTER

Seguici su FACEBOOK

DOVE SONO I TEATRI???

Archivio

novembre: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

VISITE

iscrizione a Paperblog